Il mio 2011: un anno in pillole

Il mio 2011: un anno denso, nel quale ho camminato a fatica come in una melma.
Non ricordo di aver avuto un anno più difficile, più buio. Ma più illuminante allo stesso tempo.
Perchè in quest’anno ho sfrondato, tagliando i rami secchi nella mia vita, e alleggerendo armadi e dispense. Perchè con lucidità, e non senza dolore, ho definito meglio quali sono le mie priorità, quali le cose alle quali non voglio rinunciare, scoprendo che molte che ritenevo necessarie non lo sono affatto.
Ho scoperto nuove persone, e concludo l’anno con due preziose amiche in più: Lisa e Clara, con le quali la sintonia è stata immediata.
Ho perso la mia adorata cagnetta e il bisnonno delle mie bambine, e per entrambi è stato uno strappo, un dolore.
Ho accolto in casa una tartarughina e una micetta, per la gioia delle mie nanette e della nostra.
Ho fatto il primo viaggio sola con mio marito lasciando entrambe le bambine a casa. E pensando a loro tutto il tempo, naturalmente.
Ho visto la mia amica di più vecchia data – ci conosciamo dall’asilo – andare sposa a mio cugino, bella e delicata come solo lei sa essere.
Ho affrontato due mesi di malattia e una lunga riabilitazione, che ancora non è finita.
Ho assistito mia mamma nella sua malattia e riabilitazione, e anche lei ancora sta lottando per stare bene.
Ho rafforzato ogni giorno di più l’amore che mi lega a mio marito, scoprendo che le difficoltà sono capaci di unire due persone come poche altre cose.
Ho vissuto intensamente, di questo sono sicura.
Dal 2012 mi aspetto solo che mi porti serenità, per affrontare ogni impegno con un sorriso.
E, magari, che sia l’anno del mio primo libro… ma non vorrei volare troppo in alto!

10 pensieri riguardo “Il mio 2011: un anno in pillole”

  1. amica, che sorpresa ritrovarmi nel tuo post…come già sai, il sentimento e la gioia sono assolutamente reciproche 🙂 ti auguro un anno pieno di salute, perchè quella è la base di tutto, anche della serenità nostra e del resto della famiglia. e poi…tutto ciò che hai nel cuore e che sai ti farebbe felice. ti abbraccio forte

  2. Sarà lo scombussolamento ormonale post parto, sarà che mi ci ritrovo un pò ma mi ha commosso moltissimo. Auguri a te anzi a voi vi abbraccio.

  3. @ Claretta, anche in questo siamo in sintonia: sappi che mi hai mandato quell'sms mentre io preparavo il post…@ Robi: averti qui sul blog a pochi giorni dalla nascita del piccolo è davvero un onore. Ricambio l'abbraccio di tutto cuore, che questo anno – che sarà faticosissismo,ma già lo sai, vero? – ti porti tutte le gioie che solo la nascita di un bimbo può portare

  4. cara amica, grazie! le difficoltà quando uniscono ancora di più una coppia sono segnali di un rapporto solido e maturo, del vero amore. e per una gio che ha sempre amato, fin da piccola, il sogno di una calorosa famiglia tutta sua, possiamo dire che l'ha felicemente avverato! ancora auguri e buon inizio d'anno al tuo blog!!

  5. @ Mamma Mila e Destinazione: altrettanto a voi e alle vostre belle famigliole!!@Ele: tesoro, l'immagine di te sposa è sempre presente nei miei pensieri; tu eri una delizia, non solo esteticamente ma per la'ura di dolcezza che ti circondava. Su Miu sorvolo, era così emozionato che mi faceva tenerezza! Penso di essere molto fortunata sotto l'aspetto affettivo e familiare, ricordo ancora un tema delle medie in cui scrivevo di come avrei voluto essere "da grande", e mi vedevo soprattutto mamma e moglie, quindi da quel lato mi sento davvero realizzata!

  6. Ciao! ti ho appena "scoperta" e ora non mi resta che leggere tutto il tuo blog. Anche io sogno di pubblicare un libro. Ehm. Come facciamo?www.quellodellamamma.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *