Le ricette del Mercatino di Natale: Crema Gianduia da spalmare

Prima che sia troppo tardi per pensare di prepararla per le Feste, vi voglio lasciare la ricetta della Crema Gianduia da spalmare: una sorta di Nutella che per me è molto, molto più buona!
La ricetta non è farina, anzi Nutella, del mio sacco: tramandatami anni fa dalla mia amica Marzia, (qui il suo blog, purtroppo non aggiornato), che considero una vera maga della cucina.
Ve la trascrivo quindi come mi è stata data da lei, segnalandovi un paio di piccole varianti che ho introdotto.

Ingredienti:

400 gr di cioccolato bianco
200 gr di cioccolato fondente, almeno al 75% di cacao
200 gr di nocciole tostate e pelate, ridotte in farina
200 gr di olio di riso
100 gr di cacao amaro in polvere

A bagnomaria, sciogliere il cioccolato bianco e fondente. Consiglio di non lesinare sulla qualità del cioccolato che acquistate, pena risultati scadenti quando lo farete fondere. Mescolate bene, pulendo i bordi del tegame con una spatola di silicone.
Mentre il cioccolato si scioglie, polverizzate le nocciole nel frullatore. Qui io ho inserito una variante alla ricetta di Marzia, aggiungendo 4 cucchiai rasi di zucchero: oltre a conferire alla preparazione finale un sapore meno amaro e dunque più gradito ai bambini, evita che le nocciole frullate creino un impasto e restino agglomerate.
Quando il cioccolato sarà perfettamente sciolto, aggiungere a poco a poco la farina di nocciole, sempre mescolando, poi il cacao amaro setacciato. Altra variante, adottata sempre nell’ottica di una crema dal gusto meno fondente, seppure neanche lontanamente dolce e stucchevole come la crema di nocciole commerciale: solo 50 gr di cacao amaro contro i 100 suggeriti nella ricetta.
Aggiungere infine l’olio di riso. E’ in questo olio che sta la vera differenza con i prodotti da supermercato, che utilizzano il famigerato olio di palma, un prodotto dalle bassissime qualità nutrizionali, ricco di grassi nocivi, e che per di più sta conducendo alla deforestazione di alcune zone tropicali per far posto alle piantagioni di palme da olio, con gravi danni alle specie animali che nelle foreste tropicali trovano il proprio habitat naturale. Un prodotto che andrebbe evitato a tutti i costi, per questo quando compro io controllo maniacalmente le etichette di biscotti e prodotti dolciari in genere, che spesso lo contengono.
L’olio di riso invece è un olio nobile, ricco di proprietà nutritive, ed essendo poco saporito si presta bene ad essere usato nella preparazione dei dolci, dei quali non altera il gusto.
Quando avrete aggiunto l’olio, la vostra crema si presenterà molto liquida: niente paura, perchè una volta raffreddata si addenserà. Anzi, per gustarla al meglio è consigliabile intiepidirla per qualche secondo al microonde o a bagnomaria, in modo che ritorni fluida. L’assenza di schifezze chimiche infatti fa sì che da fredda tenda ad assumere una consistenza quasi solida. Per questo è preferibile invasettarla ancora calda. Io poi rovescio i vasetti chiusi, in modo da creare il sottovuoto, ma questa crema spalmabile si conserva comunque per un anno. O almeno, così afferma la mia amica… io non ho mai avuto modo di verificare, perchè ogni volta che la preparo si volatilizza in pochi giorni! Dei cinque vasetti che non ho venduto sabato scorso, al momento me ne sono rimasti due, e non è passata nemmeno una settimana dal mercatino!
Avevo intenzione di utilizzare i vasetti come segnaposto sulla tavola di Natale, quindi credo che durante il weekend dovrò prepararla di nuovo!

4 pensieri riguardo “Le ricette del Mercatino di Natale: Crema Gianduia da spalmare”

  1. Mi sembra buonissima per dei ciocco-dipendenti. Condivido pienamente l'olio di riso, ottimo. Aspetto gli avanzi delle uova di Pasqua e provo. Una domanda: ho un figlio allergico alle nocciole, posso saltarle e basta o devo sostituirle con qualcosa d'altro? Grazie. Fran

  2. @Fran: grazie, anche io sto aspettando la prossima settimana per rifarla… secondo me le nocciole ci andrebbero, per una questione di densità del prodotto, però potresti provare a sostituirle con le mandorle ad esempio, sempre polverizzate… io però non l'ho mai fatto e non so dirti se il risultato sia buono, magari ti conviene provare con una dose minima di ingredienti

  3. Help, ho bisogno di fare questa crema x mia figlia che però é allergica a tutti i frutti con guscio(nocciole mandorle tec) come posso realizzare questa ricetta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *