A trip to Southern England

Io sarei un po’ stufa, ogni volta che vado in Inghilterra, di sentirmi dire: ah, che bella Londra, beata te!
Chiariamo un punto, tanto banale quanto necessario: “Inghilterra” non è solo Londra.
Io, per esempio, non sono per niente fan della capitale: troppo caotica per i miei gusti, pure troppo melting pot. Di sicuro non la mia destinazione d’elezione.
Come in ogni viaggio nella perfida Albione, la mia destinazione è il sud: Sussex e zone limitrofe, con occasionali sconfinamenti nella deliziosa Cornovaglia, che merita una visita già solo per i cornish fudge. Una goduria a base di panna solidificata, da tagliare a quadrettoni e mangiare a morsi appiccicandosi dita e faccia. Senza rimorsi, nemmeno per l’istantaneo incremento del colesterolo.
Lo so, alla mia morte abiterò il girone dei golosi, ma ne sarà valsa la pena.
Dunque, dicevamo: Southern England. La solita tiritera sulle mie estati giovanili ve la risparmio; ormai la conoscete a memoria. Il bello di tornare in quei luoghi da adulta è mostrarli alle nanette e riviverli attraverso i loro occhi. Scoprire che quel trenino che ti aveva entusiasmato a sette anni va ad una velocità che il nonnetto col deambulatore lo supera senza sforzo. Una noia mortale, per le settenni di oggi.
 Meglio farsi una foto tre le pecore

O che il Sea Life Center è molto più bello di come te lo ricordavi. Forse perché l’hanno ristrutturato interamente due anni fa?



nella bolla all’interno di una delle vasche

le razze

Non vi darò dunque consigli di viaggio, elenchi di cose interessanti da vedere se vi capiterà di visitare il Sussex: questa mia vacanza è stata infatti una specie di pellegrinaggio laico, e tutte le tappe che per me hanno avuto importanza potrebbero risultare insignificanti o noiose per voi.
Che cosa ho cercato in questo viaggio?

Cieli fuggiti da un quadro di Constable, come nel migliore dei luoghi comuni

Un punto qualunque, lungo una strada qualunque, nell’intervallo tra due rovesci di pioggia

Angoli di giardini curatissimi che invitano alla calma


Il cortile posteriore del nostro bed&breakfast

Colazioni lente ad alto tasso di trigliceridi… ho un debole per il burro salato: si può usare per lavare i denti al posto del dentifricio?


Scorci insoliti di Brighton, una città – questa sì – che amo

The Brighton Wheel
L’ispirazione per il décor di Hove Haven nelle case e nei mercatini
Una collezione di piatti bianchi e blu simile alla mia: rigorosamente spaiati!
Antiche dimore nobiliari, da esplorare fantasticando su coloro che vi hanno abitato secoli fa
Audley End

E una visita fugace al 28 di Benett Drive, per sedere su quel muretto il tempo sufficiente per un sospiro e due lacrime, al vedere quant’è diventato triste quel giardino curato come un figlio…

Alla fine, il campanello non l’ho suonato, così i miei ricordi resteranno intatti.
Perché a volte è meglio non sottoporli alla prova della realtà.

3 pensieri riguardo “A trip to Southern England”

  1. Ho girato tutta l'Inghilterra e tutta la Scozia quindi capisco benissimo le tue preferenze per il Sussex rispetto a Londra, ma ti garantisco che anche nella capitale ci sono angoli degni di nota.Basta uscire da quel giogo chiamato centro e luoghi come Richmond,Greenwich, a cui ci si puo' arrivare dalla ruota prendendo il battello di linea, e tanti altri offrono relax e svago e non sembra neppure di essere a Londra!:)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *