All’alba una nota prenderò

Pensate alla musica della ormai famosissima “All’alba sorgerò” dal cartone Frozen, che ad Hove Haven è praticamente un’istituzione.
Su quel motivo, e parodiando il testo, la nana grande ha composto questa, pensando alla sua situazione scolastica. Avevo in casa Mogol e non lo sapevo…

Le note che piovon sopra di me
mi faranno un po’ sgridar
In questa remota scuola
la più monella sono io.
Ormai di note sono zeppa
fin lassù
Non le bloccherà
la mia volontà.
Ho ideato ogni bugia
per sembrare brava a maestra Pia
Nessuno mi ostacolerà…perché…
D’ora in poi imparerò
le espressioni e le farò
Non scorderò quel che so
e al maestro lo ripeterò
Ma resto qui
non andrò al Convitto*
Ho deciso ormai
Da oggi le Missioni** sono casa mia.
A volte è un bene
disobbedire un po’
può sembrare un po’ rischioso
Ma io ci proverò
Non è un difetto è una virtù
Se i compiti li faccio a testa in giù
Nessuno mai mi fermerà…perché…
d’ora in poi io lo so geografia non la studierò
e vivrò sì vivrò
per sempre in libertà.
Se il Flumendosa troppo lungo è
io l’accorcerò
e domani un dieci prenderò

*Scuola alla quale stavamo pensando di iscriverla il prossimo anno in prima media
** Scuola che frequenta oggi e dove ha deciso di voler restare

3 pensieri riguardo “All’alba una nota prenderò”

  1. @mamma Avvocato: eh infatti le note dolenti sono proprio matematica e geografia, non le digerisce! In italiano va benissimo, soprattutto nella composizione di poesie, una è stata anche affissa alla porta della classe@Agnieszka: speriamo che riesca ad incanalare questa creatività in cose utili e positive!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *