Tre giorni in Toscana

E’ iniziato tutto da un concerto. Da un post su facebook e un “chi viene con me?” scritto da mio cognato mesi fa. E se c’è da andare, io sono in prima fila. Praticamente col trolley pronto nell’ingresso. Dentro, quelle 3-4 cose senza le quali non parto: costume da bagno, che può tornare utile in qualsiasi parte del mondo, libro, sneakers e guanti da equitazione. Che non si sa mai.
Un sabato mattina ci ha visti atterrare in tre a Pisa, mentre il meteo annunciava il solito “caldo record” aggiungendo subito dopo “particolarmente colpita la Toscana”. Grazie, eh.
Non avevamo fatto programmi precisi su dove andare e cosa vedere, così abbiamo vagato per i paesi della campagna, mantenendo grossomodo la direzione verso Pistoia, dove si trovava il nostro B&B.

Prima è stata la volta di Santa Maria a Monte, delizioso paesino con scorci interessanti

Poi di Fucecchio, scelto perchè è il paese natale di Indro Montanelli.

 Poco più avanti del palazzo della famiglia Montanelli si trova un bellissimo belvedere

Dopo aver reso i nostri omaggi al grande giornalista e storico, abbiamo proseguito per Vinci, dove ebbe i natali Leonardo.
In piazza ci accoglie la riproduzione di uno dei suoi magnifici cavalli.

anche visti di schiena si nota subito che sono fratelli…

La sera, dopo Vinci e una breve sosta al delizioso B&B, ci siamo diretti a Lucca per assistere alla puntata in diretta di 610, lo show di Radio2, in diretta dal Lucca Summer Festival.

Le foto scattate in piazza sono di qualità pessima, inversamente proporzionale al nostro divertimento quella sera!

Come si può non amare il Grande Capo?

Beccati nell’atto di scattarci un selfie!

Il giorno dopo, sopraffatti dal caldo, siamo saliti sull’Abetone alla ricerca di un po’ d’aria. In effetti, lassù c’erano “solo” 30°, contro i quasi 40 della città.

Poi ci siamo diretti a Pistoia, che era la destinazione principale del nostro breve viaggio. Perché fin da aprile avevamo acquistato i biglietti per il concerto dei Dream Theater, decisi a non perdere per nulla al mondo quest’occasione.

prova… prova…

Sentirli dal vivo è stata davvero un’esperienza emozionante, indescrivibile. Di quelle che restano per sempre.
La mattina dopo mio cognato è ripartito prestissimo, mentre io e mio marito siamo rimasti a Pisa, dove avevamo passato la notte, con l’intenzione di fare un giro in città prima di riprendere l’aereo all’ora di cena. E invece così non è stato, perchè attraverso facebook (ma quanto sono utili i social, a volte?) ci siamo accordati con una coppia di amici che erano con il loro bambino in villeggiatura a Marina di Pietrasanta, dove li abbiamo raggiunti. Con loro abbiamo condiviso l’esperienza di vita a Dublino, nei primi anni 2.000, e non ci vedevamo dal nostro matrimonio, 11 anni fa!

Insomma, tre giorni molto intensi, ricchi di cose che ci piacciono e ci fanno stare bene.
In chiusura di post voglio cogliere l’occasione per scusarmi pubblicamente con mio cognato perchè io e mio marito abbiamo passato tutto il tempo trascorso in macchina a “ripassare” per il concerto, cantando come pazzi e presumibilmente assordandolo. E mi sa che siamo pure un pochino stonati. Credo che non salirà mai più in auto con noi!