Appunti di una mamma disperata perché i giocattoli sono sempre troppi

Per chi lo avesse perso, ripropongo qui il mio articolo. Da leggere insieme alla 7-day toy cure!

I giocattoli? Ahi, che tasto dolente! La mia generazione – e parlo di 30 anni fa, non di 70 – era solita aprire tre, quattro regali sotto l’albero di Natale, e in genere uno era IL giocattolo tanto agognato, gli altri i cosiddetti regali utili, che ci veniva molto presto insegnato ad apprezzare. Uno scenario simile si ripresentava per il compleanno e le varie feste comandate, nelle quali il numero e la tipologia dei regali era molto più modesta di oggi. La generazione delle mie figlie è invece letteralmente sommersa di giocattoli; entrambe, a Natale, hanno scartato non meno di 25 regali ciascuna, e con una frenesia tale da rovinarsi tutto l’incanto di quel magico momento. Poiché questa nefasta routine si è ripetuta per più anni, lasciandomi una sensazione di amaro in bocca, sono stata costretta ad attuare qualche tecnica di sopravvivenza all’invasione dei giocattoli, che applico non solo in occasione del Natale, ma anche per compleanni, promozioni, onomastici e così via. La parola d’ordine è: sfoltire. 

Su 20 giocattoli nuovi i bambini focalizzeranno l’attenzione su 3 o 4 particolarmente graditi, quasi ignorando gli altri dopo i primi momenti di entusiasmo legati alla sorpresa nel pacchetto. Gli altri giocattoli magicamente spariscono in un apposito armadio, non prima di essere stati accuratamente analizzati dalla perfida genitrice. Quelli che costituiscono in qualche modo un doppione di cose già possedute prendono immediatamente il largo: ebbene sì, ammetto di riciclare i regali! Gli altri attenderanno pazientemente di uscire dall’armadio detto “delle sorprese” in occasione di piccoli malanni che costringono in casa, momenti di malumore che richiedono una consolazione, pomeriggi speciali. Queste sorprese, dilazionate nel corso dell’anno, rinnovano la meraviglia nei bambini e stimolano la capacità di apprezzare quello che ricevono, oltre a costituire un modo ingegnoso di uscire da un pomeriggio difficile…
4 volte l’anno poi, insieme alle bambine passiamo in rassegna il contenuto di tutto lo scaffale dei giocattoli: quelli che non vengono utilizzati frequentemente, o che sono caduti in disuso perché le proprietarie sono troppo grandi per interessarsene, vengono destinati ad istituzioni di beneficienza: ospedali, Croce Rossa, istituti di suore e Caritas saranno felici di ricevere dei giocattoli che porteranno il sorriso ai bambini meno fortunati. Dopo una prima resistenza le mie figlie svolgono oggi molto volentieri questo compito, orgogliose di poter essere utili al prossimo, e si separano senza tragedie dalle loro proprietà. Abbiamo così trasformato un espediente organizzativo in un momento di alto contenuto educativo. Un giocattolo a parte sono a mio avviso i libri per bambini: di quelli non ce n’è mai troppi. Se qualcuno mi chiede un consiglio su cosa regalare a mia figlia, io immancabilmente rispondo “un libro”, convinta che un adulto lettore si costruisca da bambino.
Un altro trucco che si può adottare, se avete abbastanza confidenza con coloro che devono fare un regalo ai vostri figli, è quello di fare una sorta di lista regali in un negozio scelto da voi. Individuate un solo regalo, utile o dilettevole che sia (dalla scrivania nuova, alla casa per le bambole, alla bicicletta, fino all’iscrizione al camp estivo) e chiedete ai vostri ospiti di versare una quota a piacimento per il suo acquisto: in questo modo limiterete i regali doppi, e quelli poco graditi a vostro figlio e a voi. State certi che, anche con queste misure, i giocattoli resteranno pur sempre troppi!

Educare alla libertà

Maria Montessori : una donna dolce e gentile dal pugno di ferro. Una ragazza madre ai primi del ‘900, una laureata in medicina, un’acuta osservatrice delle dinamiche dell’infanzia. Era queste e molte altre cose.
Per me, è la donna che ha saputo mettere per iscritto le risposte a molte delle mie domande di mamma dilettante, alle prese con scelte educative talvolta più grandi di me.
Se anche voi vi sentite spesso insoddisfatte dei modelli educativi correnti, se talvolta ciò che le nostre scuole insegnano vi lascia, nella migliore delle ipotesi, un leggero senso di fastidio, “Educare alla libertà” di Maria Montessori è un libro che non può mancare nella vostra biblioteca. Ho trovato ispirazione e conforto in ogni singola pagina e, anche se è scritto in un italiano da inizio secolo, l’ho letteralmente divorato.
Maria Montessori afferma che il bambino è un essere di profonda intelligenza e sensibilità, che l’adulto tende ad ingabbiare, relegandolo al ruolo di piccolo pupazzo bisognoso di cure, che necessita di protezione dallo scontro con la realtà. Anche la scuola mortifica la spontaneità del bambino, imponendo la disciplina dall’esterno,  come limitazione e repressione dei movimenti spontanei. Questo non può che generare frustrazione, perché il bambino vive l’immobilità e il silenzio come una sorta di tortura, non essendo stato messo a parte del perchè sia necessario star fermi e silenziosi. 
Ma se immaginate che nelle classi montessoriane ci sia il caos più completo, sbagliate di grosso: i bambini educati al metodo Montessori sono bambini molto più consapevoli dei propri movimenti, attenti, aggraziati, perché auto responsabilizzati a gestirsi. Sono quindi bambini tendenzialmente più maturi e sensibili, capaci di un livello di silenzio decisamente superiore, direi assoluto. 

Un altro aspetto del metodo Montessori che mi conquista è quello che riguarda l’educazione all’indipendenza e la condivisione familiare e scolastica delle faccende del quotidiano. Ho sempre applicato queste due regolette nella mia ignoranza di mamma, sentendomi spesso riprendere in questi termini: “quando mai fai lavorare le nanette, poverine!”, oppure “ma sei matta? Aiutala poverina, lo vedi che non ci riesce?”, frase che è valsa a commentare le situazioni più disparate, dal lavarsi i denti al rimettere a posto i giocattoli.
Io ho sempre pensato che i nostri bambini siano trattati come preziosi gioielli, spesso figli unici e magari attesi a lungo, e che questo ci porti a tenerli in una sorta di bambagia che li rende impreparati ad affrontare il mondo, costantemente dipendenti da noi. Sarà questa la matrice dei cosiddetti bamboccioni?
Negli altri paesi europei ho visto invece un approccio diverso, orientato a rendere autonomi i bambini fin da piccoli, e far sperimentare loro i fatti della vita. L’apprendimento attraverso l’esperienza diretta lascia indubbiamente una traccia indelebile, e rende acquisita con maggiore sicurezza la nuova competenza. 
Maria Montessori esorta gli educatori ad insegnare ai  bambini a far da soli, a lasciare loro il tempo di elaborare autonomamente una soluzione ai piccoli problemi che si trovano ad affrontare (ad esempio raggiungere il giocattolo desiderato che è posto su una mensola troppo in alto), senza intervenire con l’intento di aiutare il bambino (porgendogli il giocattolo o prendendolo in braccio in modo che ci arrivi). Tempo pochi istanti e il bambino scoprirà da sé che salendo su una sedia potrà diventare abbastanza alto da prendere il giocattolo, e alla soddisfazione di aver preso quanto desiderato si aggiungerà l’orgoglio di aver risolto da sé un problema. 
Perché vogliamo privare costantemente i nostri figli di questa sensazione così gratificante? Credo sia profondamente giusto ed educativo dar loro questa chance, anche per insegnargli a gestire la frustrazione e superare i momenti di sconforto attivando il cervello per trovare una soluzione.
Il metodo montessoriano è corredato da una serie di speciali materiali educativi, il cui uso richiederebbe una adeguata preparazione, come avviene per ogni insegnante, però anche nel nostro quotidiano, in casa, possiamo essere montessoriani, applicando questi motivi d’ispirazione alla nostra vita con i nani. 
Nelle Case dei bambini, ad esempio, un compito importante nel corso della giornata dei bambini era quello di preparare la tavola, servire il pranzo, e rigovernare conservando poi le stoviglie utilizzate. I piatti erano rigorosamente in ceramica ed i bicchieri in vetro anzichè in materiale infrangibile, di modo che i bambini apprendessero a maneggiarli con la dovuta cura. Questi diversi compiti erano suddivisi tra i bambini in ragione dell’età, mentre noi spesso risparmiamo queste attività ai nostri figli, per una mancanza di fiducia nelle loro capacità, che in ultima analisi abbiamo creato proprio noi. 
Ben venga invece che un  bambino di due anni porti il pane in tavola, uno di cinque metta i piatti e uno di sei versi la minestra ai compagnetti. Io in casa mi faccio aiutare dalle nanette in alcune semplici faccende domestiche, non perchè, come spesso mi viene detto, sono una nazista, ma perché spero che, crescendo, abbiano un alto livello di autonomia. Insieme carichiamo la lavatrice, distinguendo i colori dei capi, svuotiamo la lavastoviglie, apparecchiamo la tavola. Da sole, sotto supervisione, le nanette hanno appreso alcuni compiti, che scherzosamente chiamiamo “procedure”: arrivati a casa, togliere le scarpe e riporle nella scarpiera (ad altezza bambino), prima della cena riordinare la stanza, prima di andare a letto svestirsi e lavarsi, mettendo gli abiti sporchi nella cesta, dopo la merenda passare l’aspirabriciole sul pavimento, e così via. Sono piccole cose, alla portata anche di bambini di pochi anni, che danno un senso di responsabilità e di autonomia. E aiutano, cosa che non guasta, anche ad apprezzare di più tutto il lavoro che la mamma fa in casa, dandolo un po’ meno per scontato.
Queste e altre mille idee, corroborate dalla riflessione scientifica, le trovate nell’opera della Montessori, la prima e fondamentale per avvicinarsi al pensiero di questa grande educatrice, troppo sottovalutata in Italia.
Se proprio non avete tempo di affrontare questa lettura, vi consiglio almeno un giro nel blog La casa nella prateria, della bravissima Claudia Porta, educatrice montessoriana e mamma appassionata del metodo.

La “cura antigiocattoli”: 7 giorni per rivoluzionare la cameretta

Ho una vera passione per quello che gli Inglesi definiscono “home improvement”, includendo in questo termine tutti i piccoli grandi interventi di riorganizzazione degli spazi, ridecorazione, miglioramento in generale del nostro ambiente abitativo. Tra l’altro ho scoperto che quando ho messo tutto a posto, disordinare mi riesce molto meglio. 
Uno degli ambienti su cui intervengo maggiormente è la stanza delle nanette, che recentemente ha subito un intervento estremo (promesso post non appena sarà fotografabile…), e dove però quasi ogni giorno cerco di apportare piccoli miglioramenti. Un sito che consulto regolarmente, e che per me è fonte di grande ispirazione, è www.ohdeedoh.com, sito americano dedicato a casa, bambini e design. Per me, il paese dei balocchi!
Questa volta sono stata colpita dalla 7-day toy cure, ovvero dalla cura anti-giocattoli in 7 giorni.

Che cosa significa? Uno spiraglio di salvezza per le famiglie sommerse dai giocattoli, un percorso da seguire per metter mano alla baraonda e uscirne vivi. Trovate qui  il lunghissimo post originale, ma vi offro una sintesi tradotta e riveduta da me di questo fantastico “gioco” del riordino.

Giorno 1: preparare un OUTBOX, ovvero uno scatolone dove riporrete tutti i giocattoli che ritenete di dover mettere da parte, e passate ad esaminare ogni singolo giocattolo. Davanti ad esso dovete porvi 3 domande: è usato di frequente? È adatto all’età dei vostri figli? È rotto/sporco/mancano dei pezzi? Una volta risposto alle domande decidete se mettere il giocattolo nell’outbox o conservarlo.

Giorno 2: continuare la valutazione dei giocattoli. Se già nel primo giorno li avete passati tutti in rassegna, fate un secondo giro. Mettete da parte remore psicologiche del tipo: questo giocattolo costa un sacco di soldi, oppure me l’ha regalato tizio e se sapesse che lo do via si offenderebbe…

Giorno 3: oggetti di cartoleria. Concentriamoci su tutte quelle piccole cose come matite, pennarelli, album, pasta per modellare etc, che in genere riempiono scatole e cassetti.  La missione stavolta è: scovare gli oggetti rotti, quelli consumati (pennarelli scarichi ad es.), quelli che non vengono più utilizzati. Devono finire tutti nello scatolone delle cose da eliminare. Suddividete le cose rimaste in maniera razionale. Noi usiamo i cassetti della scrivania della nana grande per le cose delle nane e, per le MIE attrezzature per il fai da te (pennarelli a punta fine, colle a caldo, colori particolari e così via), serie di scatole in cui raggruppo gli oggetti per genere, etichettate e conservate nel ripostiglio. In attesa che si avveri il mio sogno della CRAFT ROOM.

Giorno 4: libri, cd, dvd e simili. Questo è il mio punto debole: adoro i libri e mi riesce molto difficile eliminarli anche quando cadono in pezzi. Il risultato è che casa mia trabocca di volumi per bambini e per adulti! Obiettivo del giorno: stanare tutti i libri/cd che: sono rotti, sono doppioni, non sono commisurati all’età, non sono in generale graditi dai nostri figli. Decidete se riparare quelli rotti o darli via, ed eventualmente conservate altrove i libri e i cd per i quali i vostri nani sono ancora troppo nani. Io li tengo in una mensola alta e ogni tanto, raggiunta l’età adeguata, li tiro fuori con gran faccia tosta come se fossero nuovi di zecca!

Giorno 5: pulire, riparare, riciclare o buttare. Arriva il bello! Alcune cose erano state messe da parte nell’outbox perché sporche oppure rotte. In questa fase si riprendono in mano e si valuta che farne. Pulire: alcuni giocattoli, come i peluche, possono essere facilmente lavati: facciamo partire una lavatrice apposita e li ritroveremo belli profumati e possibilmente smacchiati. Altri, ad esempio quelli in plastica, si puliscono con una spugnetta umida imbevuta di detersivo. Più difficile pulire i giochi in legno o quelli di cartoncino. Se non è possibile farlo, vuol dire che sono da accantonare definitivamente. Riparare: il giocattolo, una volta riparato, sarà pericoloso? È in uno stato in cui anche se riparato resta comunque troppo malridotto? Se la risposta a queste domande è sì ovviamente va eliminato. Senza pietà. Ce la possiamo fare; un bel respiro e via.

Giorno 6: svuotare l’outbox. Riprendiamo in mano tutte le cose dello scatolone, che oramai sappiamo devono sparire, e decidiamo che farne, suddividendole in gruppi. Ad esempio: spazzatura – regalare a un amico/parente – dare in beneficienza – vendere – conservare altrove (ad es. in garage per un uso futuro). È anche l’ultimo momento utile per ripensarci su qualcosa e decidere di rimetterlo dove lo abbiamo preso.

Giorno 7: riflettere e cercare ispirazione. Come, non è ancora finita? Se  questa dei giochi è una “cura in 7 giorni” al termine della cura dovremmo, in teoria, sentirci meglio. Il settimo giorno è quello in cui, allora, dobbiamo riflettere sulle cose che facciamo entrare nella nostra casa e su cosa veramente vogliamo che ci sia. Io, ad esempio, ho realizzato quanto detesto i giocattoli di plastica, pieni di luci e funzioni. L’aver passato in rassegna tutti i giocattoli e aver sfoltito, poi, è una preziosa occasione anche per riorganizzare gli spazi e la disposizione dei giocattoli nella camera di nostri figli.
A questo punto, tiriamo un grosso sospiro di sollievo e ammiriamo il frutto nel nostro duro lavoro!
P.S. il post originale è composto di 7 post usciti di settimana in settimana. Tuttavia, anche per chi non ha familiarità con l’inglese, vale la pena dargli un’occhiata per la moltitudine di foto davvero colme di idee per una sistemazione ottimale delle camerette. Io ad esempio ho intenzione di copiare spudoratamente questa maniera di conservare accessori per la scrittura: non è geniale?

Sull’obesità infantile non si scherza! Una chocaholic alle prese con l’educazione alimentare.

Negli ultimi giorni i quotidiani e i siti web italiani hanno ripreso la notizia dell’ultimo numero di Lancet, rivista medica di peso internazionale, dedicato al tema dell’obesità (qui l’articolo di Repubblica in merito).
Non è una novità; siamo troppo grassi, ma mi colpisce constatare come il problema si stia pian piano spostando verso le fasce più giovani della popolazione, che un tempo erano immuni dall’eccesso di peso. Eppure, oggi sembriamo molto più attenti di 50 anni fa a che cosa abbiamo nel piatto, badiamo alle calorie e ai diversi metodi di cottura. Alcuni puristi scappano a gambe levate solo a sentire la parola “burro”. Chi si concede una fettina alla milanese lo ammette sottovoce come se confessasse un peccato mortale. 
Il discorso sull’obesità infantile è sicuramente ampio, perché non ha a che vedere solo ed esclusivamente con l’alimentazione, ma si trasforma in una questione educativa e di organizzazione familiare. Oggi in generale si cucina poco in famiglia: siamo sempre di corsa e anche io, che pure amo molto passare del tempo davanti ai fornelli, certe volte sono così stanca e di fretta che vorrei una bacchetta magica che mettesse in tavola pranzo e cena. Questo ci porta a mangiare male, facendo ricorso ai cibi preconfezionati che non sono troppo sani e sono spesso ipercalorici. A ciò possiamo aggiungere che il tempo da dedicare all’attività fisica è minimo, per cui la maggioranza di noi passa dall’auto alla scrivania all’auto al divano, con poche eccezioni. E il discorso non è diverso per i nostri figli: l’equazione cibo spazzatura+vita sedentaria porta sempre allo stesso risultato, ovvero l’obesità.
Lungi da me volervi esortare tutti all’ortoressia… chi mi conosce sa perché spesso il mio nick sia chocaholic, quindi non potrei mai predicare ciò che io per prima non sono in grado di mettere in pratica! Mangiare è uno dei grandi piaceri della vita, e non deve diventare una mera incombenza.
Nella foto: la mia bavarese ai marron glacè, fatta per il pranzo di S. Stefano
Per trovare un giusto compromesso, e non cadere nella trappola della cattiva alimentazione, nei miei 6 anni di mammità ho messo a punto alcuni piccoli trucchi che  vi riporto, sperando che anche voi ne abbiate da suggerire.

  1. Quando ho tempo e voglia di cucinare, cerco di farlo in abbondanza, e conservo per le giornate nere. Esempio: faccio le lasagne? 10 teglie da 4 porzioni. Una ce la mangiamo subito, le altre 9 vanno a soggiornare in freezer. Sugo? Minimo 1 lt per volta, e poi invasetto. Pesto? Tutto quello che la mia piantagione di basilico mi consente. Questo principio si può applicare a tantissime pietanze, molte delle quali restano buone anche dopo la surgelazione: panzerotti di pasta lievitata con ripieni vari, sformati di pasta, di verdure, quiche… basta liberare la fantasia.
  2. Se c’è qualcosa che non voglio che le mie figlie mangino (e vale anche per me) non lo compro. Averlo in casa è una tentazione troppo forte. Quindi, ad esempio, non compro bibite gassate. Mai, senza eccezioni se non in occasione delle feste di compleanno. Solo succhi e acqua. Il the fatto da me, caldo in inverno e freddo in estate. Per la scuola un brick di succo o meglio una borraccia d‘acqua fresca. Non compro nemmeno patatine e simili: io per prima, se inizio a mangiarne, non riesco a smettere. Quindi meglio non averne, se non quando offro un apertivo.
  3. Le merendine preconfezionate occupano un posto nella mia dispensa, ma solo come soluzione di emergenza. Per il resto cerco di evitarle: a me non piacciono, quindi non è un grosso sacrificio, ma alle mie figlie sì. Dunque tento di proporre alternative allettanti per la merenda di metà mattina e pomeriggio, diverse a seconda della stagione e del luogo: d’estate la frutta va per la maggiore, e si porta facilmente anche in spiaggia. D’inverno spesso un the con biscotti fatti in casa, una fetta di torta semplice con un bicchiere di latte, una fetta di pane con marmellata o miele e un succo.
  4. D’inverno, a causa degli orari d’ufficio, la mattina presto sono sempre un po’ di corsa. Non mi va però di infilare in borsa uno snack, e volendo dare una merenda che sia nutriente, io ho risolto così.
Adesso faccio outing. Lo faccio. Sì, sì, lo faccio. Inorridite pure.
Una mattina che non devo correre via compro tanti piccoli panini, li imbottisco con gli affettati, il formaggio, quello che le nanette richiedono, e poi ehm ehm, li metto, pure loro, in freezer. Ogni mattina ne tiro fuori uno e lo infilo nello zaino: all’ora della ricreazione è perfettamente scongelato. Forse non è un sistema molto ortodosso, ma mi evita di fare i panini col pane del giorno prima o dover cercare un forno aperto alle 7. So già che finirei per rinunciare…
  1. Costringo le povere nane sonnolente a fare colazione, lasciando la possibilità di variare il menù: dalla frutta fresca (la fragole con limone e zucchero dalla primavera sono nella top ten, d’estate pesche e zucchero di canna) al latte con biscotti o cereali, allo yogurt, e perfino al formaggio. Basta che mangino. In questo modo non saranno indotte a strafogarsi a metà mattina con cose poco sane.
Sul lato abitudini di vita, poi, si può fare molto. Non si tratta solo dell’avviamento allo sport, che a seconda di quale si sceglie può partire dall’età scolare o anche prescolare (il nuoto ad esempio è offerto anche ai neonati, mentre la danza, come propedeutica, parte dai 3 anni). Un paio d’ore di attività fisica alla settimana non possono essere l’unico movimento che concediamo ai nostri figli. È importante, a mio avviso, creare l’abitudine al movimento. Io ad esempio cerco di usare l’auto solo per andare al lavoro o fare una grossa spesa, per il resto circolo a piedi. Dai 18 mesi delle bambine ho abolito l’uso del passeggino, costringendole a camminare: all’inizio è stata un po’ dura perché volevano essere prese in braccio, ma allungando i percorsi giorno dopo giorno siamo arrivate in breve tempo all’autonomia. Adesso facciamo senza problemi passeggiate di un paio di km verso il centro città. Questo ci rende molto più libere e in parte sostituisce la palestra alla quale in questo momento non ho proprio il tempo di dedicarmi.
Se poi si tagliano i tempi davanti alla TV, a casa mia quasi costantemente spenta, i bambini sono portati a riscoprire la loro dimensione naturale, che è quella del dinamismo, dell’esplorazione e della scoperta. Se tutto ciò si può svolgere nel giardino di casa, in terrazzo o al parco, tanto meglio.
Un altro aspetto che io cerco di curare riguarda l’educazione alimentare in senso stretto: spiego alle mie figlie da dove vengono i cibi che mangiamo, come si coltivano, quali sono quelli di stagione e quali proprietà benefiche hanno per il nostro organismo. Insomma, tento di farle interessare a tutto quello che devono mangiare. A casa coltiviamo le aromatiche e abbiamo un albero da frutta, nella casa al mare anche pomodori, pere, e prugne. È bello per loro vedere come i vegetali crescono grazie alle nostre cure, e fantastico addentare un pomodoro staccato dalla pianta. Il preparare insieme da mangiare, cui ho fatto cenno in un precedente articolo che riproporrò a breve, aiuta ancora di più ad apprezzare i cibi fatti in casa, sani e di stagione.
E voi, come vi ponete nei confronti dell’educazione alimentare?
Io adesso ho una gran fame… quasi quasi mi prendo una merendina!

Settembre, tempo di nuovi inizi.

Non c’è dubbio.

Sono una mamma dilettante. Anzi, una mammadilettante. Quelle due nane che mi girano per casa,seppur volute, pianificate, attese, sono arrivate senza manuale d’istruzioni. Prima che nascessero ho fatto ad esempio qualche prova di tenuta in braccio, con un polpo di 4 kg che doveva simulare un neonato: molle, come se fosse disossato e dotato di più braccia e gambe di un adulto, ma niente. Proprio non è la stessa cosa. Finchè non provi non sai com’è avere un figlio.

E anche se in poco tempo impari l’ABC delle cose pratiche da fare – come si cambia un pannolino arginando l’esondazione, come si prepara un biberon di latte senza ustionare gravemente il pupo, come si fa fare il ruttino (ma perché tutti dicono “ruttino”? siamo sinceri, nemmeno un camionista riesce ad emettere simili tonalità cavernose) – resta ancora tutto il magico universo educativo da scoprire. E lì sono cavoli amari.

In quasi 6 anni di mammità ho scoperto che:

  1. Non esistono regole precise: quello che vale per un bambino, o funziona in una famiglia, può essere un disastro in un’altra;
  2. In compenso tutti sono super esperti e vogliono darti dei consigli, alcuni dei quali vorrei raccogliere in un libro che sarebbe un best seller della comicità involontaria;
  3. Se sei al primo figlio, automaticamente sei un’inetta come madre e non puoi esprimere un’opinione su cosa sia meglio per lui. Taci e ascolta chi ci è già passato (vedi punto 2);

Ma a parte questi piccoli dettagli, che ti fanno mancare la terra sotto i piedi proprio quando più avresti bisogno d’aiuto, ho scoperto anche che:

  1. I bambini sono i datori di lavoro più indulgenti del mondo: fai 1.000 errori, e loro ti perdoneranno sempre;
  2. Poiché non esistono regole universali per la gestione dei nani, procedere a tentativi prima o poi dà i risultati sperati;
  3. Tu cresci i tuoi figli, e loro crescono te. In altre parole, aspettati di non essere più la stessa persona di prima dell’era-bambini. Banale ma tremendamente vero.

Venendo al lato serio della questione, in questi 6 anni ci sono state lacrime, momenti di sconforto, e qualche volta la sensazione di non sapere bene dove stessi andando. Ho scoperto che l’arma migliore a mia disposizione per affrontare la complicata vita della mamma che lavora è l’autoironia: prendersi troppo sul serio non può che portarti ad essere ipercritico con te stesso. E quindi sempre insoddisfatto.

Farsi due risate, invece, prendersi in giro, fa apparire immediatamente tutto sotto un’altra prospettiva, molto più rosea.

L’autorionia quindi è la promessa che vi faccio: non sono per niente una mamma perfetta, né una donna senza difetti che ha scoperto la quadratura del cerchio, e non cercherò di presentarmi così. Sono una control freak disordinata, anche se queste due parole in una stessa frase cozzano un pochino. Vorrei essere tante cose, e avere il tempo di dedicarmi alle passioni creative che per me sono uno sfogo imprescindibile: cucina, cucito e decorazione occupano i miei minuti liberi e sono un fantastico modo per stare con le mie nanette, trasformandosi così in strumento educativo.

Ah, naturalmente, anche in queste passioni sono una volenterosa dilettante… Poteva essere diversamente?